Cosa ho imparato dai film sull’aviazione

Per non volare come polli
Follow Me

Cosa ho imparato dai film sull’aviazione

By Danila   /     Mag 24, 2016  /     aeromobile, aeroporti, fun, sicurezza  /     , , , , , , , , , , ,

Per scrivere questo post mi sono documentata trascorrendo sere su sere a guardare film sull’aviazione. Considerando che il 90% di questi film parla di “incidenti” aerei, credo che non volerò per i prossimi 5 anni e che cambierò il nome del blog da “Istruzioni di volo” a “Istruzioni per tirarsi la zappa sui piedi da sola”.

Il mio studio era volto a cercare di capire qualcosa di più sul mondo dell’aviazione anche tramite i film.

Il messaggio di Airport / Airport ’75 / Airport ’77 / Airport ’80 è chiaro. Si può riassumere nell’universale legge di Murphy “se qualcosa può andare male, lo farà”. Se prendiamo ad esempio il primo della serie Airport, dopo il dilemma: “il tizio fa esplodere la bomba, il tizio non fa esplodere la bomba”, dopo che ti sei mangiata tutte le unghie per la tensione, arriva un atterraggio con tempesta di neve + pista bloccata. Tanto per non farsi mancare nulla e per fortuna che all’epoca i terroristi non erano tanto in voga.

airport

É vero, se pensiamo a film sull’aviazione, ci vengono in mente gli Airport. Anche tu, come me, sei segnato dal palinsesto televisivo dei primi anni 90 che li riproponeva ogni estate? Ma andiamo oltre…

Prova a prendermi

provaaprendermi

Grazie a questo film, ora conosco il “deadheading” o “jumpseating“. Fino all’ 11 settembre era possibile per il personale delle compagnie aeree, viaggiare gratuitamente in cabina di pilotaggio, previa autorizzazioni del comandante di volo. Esiste infatti un seggiolino richiudibile dietro il pilota che consente questa pratica e ha un nome buffo, lo Strapuntino. Di “scroccare” un passaggio di questi tempi non se ne parla, ma credo che venga ancora utilizzato per la formazione dei piloti. Troverò presto un pilota a cui chiedere per togliermi questo dubbio.

The Aviator

theaviator

Lo so cosa stai per dirmi: “Per caso ti piace Di Caprio?”. Non è colpa mia se questo figliuolo ha sfornato 2 film con tema aviazione. Li ha fatti, è bello da far paura e io ne parlo, ok?

Ti lascio una frase del film che fa riflettere su com’era viaggiare negli anni 40: “Solo l’1% della popolazione americana ha mai messo piede su un volo di linea e perché? Perché la gente è terrorizzata e ne ha motivo. A 7000 piedi si balla che è uno schifo e tu lo sai. Fabbrichiamo un aereo che voli al di sopra delle perturbazioni e convinceremo ogni uomo, donna o bambino a sentirsi al sicuro lassù”. Non so se ci sentiamo veramente al sicuro lassù, ma i nostri timori ormai non sono più legati alle perturbazioni. Il film parla della storia di un uomo, Howard Hughes, che ha migliorato in maniera significativa l’aviazione con le sue intuizioni e la sua caparbietà.

Revenent

Dai scherzavo!!!

The Terminal

theterminal

Con un po’ di ingegno è possibile vivere in aeroporto, oggi in maniera ancora più confortevole che nel 2004 quando è stato girato il film. Gli aeroporto forniscono docce, cuccette, ristoranti, musei addirittura (vedi link combattere la noia in aeroporto). Ti sembra impossibile? Il film si ispira alla storia di un uomo che ha realmente vissuto per 18 anni presso l’aeroporto di Charles de Gaulle a Parigi.

L’aereo più pazzo del mondo

l'aereopiupazzodelmondo

Sinceramente è difficile trarre un insegnamento da un film parodia del genere, ma mi divertiva tanto infilarlo in questa lista. Potrei cogliere l’occasione per rassicurarti sul fatto che pilota e copilota non mangiano lo stesso pasto a bordo.  E’ una questione di sicurezza per evitare, proprio come nel film, che un pasto avariato possa mettere fuori uso la cabina di pilotaggio.

Ora la parola a te: quali film devo assolutamente vedere? Che lezioni potrei trarne?

Buona visione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*