Un po’ di archeologia dei biglietti aerei

Per non volare come polli
Follow Me

Un po’ di archeologia dei biglietti aerei

By Danila   /     Giu 06, 2015  /     fun, tariffe  /     , ,

Qualche giorno fa pensavo a quando ho iniziato a lavorare in agenzia: ai primi biglietti aerei scritti a mano (tipo quello riportato sotto che però non è stato emesso da me, io nel 69 non ero ancora nata),

old airline ticket

all’infernale macchina stampigliatrice e alle piastrine metalliche delle compagnie aeree,

piastrina

al fatto che a scuola mi hanno insegnato a costruire le tariffe aeree consultando un manuale mastodontico che credo si chiamasse ABC (tempo medio a biglietto aereo 2 ore di ricerche e calcoli) e che per fortuna mi sono potuta dimenticare tutto non appena messo piede in agenzia perché già si usava il computer, ma a Perito Turistico ancora non lo sapevano,

ai biglietti aerei che hanno sostituito quelli manuali con i tagliandi di carta copiativa rossa che tingevano le dita,

tkt

alla rumorosissima stampante ad aghi chiamata amichevolmente “il trattore”,

Stampante_aghi

ed ho realizzato che sono vecchia, irrimediabilmente vecchia.

Ditemi che anche voi vi ricordate di questi reperti archeologici, vi prego!

Foto valigia vintage Gratisography

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone

2 Comments

  1. Enrico Says: 25 giugno 2015 21:13

    Che nostalgia, io quelli stampati ad aghi ho fatto in tempo a vederli e ad usarli da passeggero! Mi capita di viaggiare spesso in Russia, lì ne girano ancora parecchi! Scritti a mano purtroppo non ho mai fatto in tempo ad averne!

    Reply this comment

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*